MELBOURNE – I numeri resi noti questa mattina, in particolare il dato medio calcolato sui quattordici giorni precedenti, che oggi è sceso sotto la soglia di 30 nuovi casi, 29.4 per la precisione, potrebbe aprire la strada a possibili variazioni della tabella di marcia individuata dal governo Andrews per l’allentamento delle restrizioni e, finalmente, il graduale ritorno a una condizione di normalità.

Ricordiamo che la tabella di marcia individuata dal governo del Victoria per una riapertura graduale prevede, nell’area metropolitana di Melbourne, per il passaggio del prossimo 28 settembre, il raggiungimento di una soglia che va dai 30 ai 50 casi, calcolati sulla media degli ultimi quattordici giorni. Soglia che, quindi, ad oggi risulta raggiunta e superata.

Il premier, che fino a ieri aveva frenato molto su questa ipotesi, nella conferenza stampa appena conclusa ha invece ammesso essere in corso valutazioni da parte del dipartimento della Salute in direzione di qualche passo in più rispetto a quanto previsto.

“Non sono in condizione di darvi dettagli di quello che stiamo analizzando – ha detto Daniel Andrews -. Stiamo valutando con attenzione quali possano essere i rischi”.

“Non si vuole fare piccole scelte che potrebbero poi rappresentare una sfida nelle successive settimane - ha affermato, con cautela, il premier che ha poi ribadito che domenica sarà il giorno in cui conferemerà quali saranno le scelte intraprese che, “vale la pena ricordare, avranno pieno ed evidente effetto non prima di due settimane”.

“Ecco perché vogliamo che siano passi cauti, costanti e, soprattutto, fatti in totale sicurezza”.